Crea sito
  1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

Promo

Google News

Promo

Pensieri dall'ombrellone: responsabili, ma fino a quando?

L’ombrellone, si sa, diventa il momento d’incontro fra amici che rientrano e amici che son sempre qui. Questo dà occasione, allietandosi della frescura marina, di lasciarsi andare in amabili quanto approfondite (?) discussioni sulle più svariate tematiche, quali il sempre presente pallone, qualche pettegolezzo (gossip?!?) d’annata, qualche barzelletta, i più colti si lanciano sulla disquisizione di qualche buon libro e cosa strana tutti (e sì, accanto ad una nazione di CT … siamo tutti politologi ed esperti di cosa pubblica) non disdegnano di lasciarsi andare in iperboliche discussioni politiche.

Per non restare indietro nella disputa e non sentirti dire “aoh che fai ? e tu non venghi?” (Albertone mi perdoni) anche io mi associo alla discussione e come nella canzone dico “eccome no? Vengo … e si che vengo!!” (come dire ” mi ci mando da solo” … pardon la disgressione).

Dunque rotti gli indugi partono anche i miei pensieri dall’ombrellone che essendo da ombrellone son quel che sono ma confidiamo nella comprensione dei nostri pochi lettori.

Come al solito mi piace arrivare buon ultimo, ma qualche riga sulle vicende degli ultimi giorni la voglio scrivere anche io. Cosi senza pretesa parto dalla sentenza per arrivare al dubbio sull’utilità dell’essere responsabili ad ogni costo.

La Cassazione ha dunque pronunciato la sentenza ed è condanna definitiva per il reato di frode fiscale, rinviando a sede competente per le pene accessorie (interdizione pubblici uffici). Ora se frodi il fisco, frodi le istituzioni che rappresenti in quanto eletto dal popolo, normale conseguenza è che l’interessato si metta da parte, così giusto anche per un colpo di dignità tardiva. Normale conseguenza questa in un Paese normale: ma cosa c’è di normale in Italia ad oggi? Nulla! Allora ecco venir fuori i barricadieri, gli eserciti che si sperticano in distinguo o in denunce di attentati alla libertà. Questi sono i rappresentanti del popolo che difendo l’indifendibile (anche se il sospetto che più che il “leader amato” difendano se stessi è grande) mentre il popolo affonda nella melma più nera.

Di cosa dovremmo parlare, dunque?Di cultura dell’illegalità, di cultura del “non son stato io”, del popolo sovrano che mi vuol bene e quindi sono impunibile? Di cosa si può dissertare se del nulla si parla e si sente parlare.

Cosi chiudo il mio prologo sul signor Berlusconi e cerco di andare avanti su qualcosa che maggiormente solletica la mia mente: “Responsabilità!”

Parola che rimbomba in questi anni, bisogna essere responsabili, siamo forza responsabile, bisogna responsabilizzare. Ma a che prezzo dico io, a che prezzo e per quanto tempo sia giusto andare avanti parandosi dietro lo scudo della responsabilità. Il dibattito di questi ultimi 2 anni (ieri Monti, oggi Letta …) ci parla di responsabile impegno in favore del Paese e, dico io, sta bene se per il Paese si lavora, se nell’interesse della gente si trovassero soluzioni che siano argine alla crisi che sembra non voler mai finire alle nostre latitudini. Tuttavia se questo fare o da fare non avviene, responsabili, mi chiedo, per far cosa e perché?

Ascolto sempre con interesse il dibattito politico ed anche in questa epoca storica scalcagnata non disdegno di leggere, ascoltare, commentare quel che passano tutti i mezzi di informazione.

Stimo Enrico Letta, persona capace ed indubbiamente seria, tuttavia non posso sottacere le perplessità che sorgono nella mia mente dopo questi primi 100 giorni di governo. Per carità nessuna iperbole ma semplicemente il refrain del concetto su espresso ecco cosa direi al caro Letta: responsabili si, ma per far cosa? Dove sono i segni tangibili di questo fare, per cui val la pena rischiare? È vero o no che le decisioni più importanti per un motivo o per l’altro sono state rimandate (come scolaretti impreparati) a settembre (leggasi imu, IVA, legge elettorale et simila)? È possibile per senso di responsabilità continuare a tenere il banco insieme a chi davanti ad una sentenza della Cassazione evoca la piazza, davanti a chi ad ogni scelta che tocchi in qualche modo i propri interessi minaccia di staccare la spina?

Ha ragione Matteo Renzi non deve essere “durare” il principio dell’esecutivo ma fare e fare bene altrimenti a casa, ha ragione Civati quando sostiene che l’utile di questa indigeribile maggioranza deve essere solo una buona politica verso i cittadini in questa interminabile crisi altrimenti si vada a casa, ed infine sbaglia Epifani, ancora succube probabilmente di un certo apparato “tafazzista”, a riportare sempre e solo al centro della discussione la stucchevole vicenda “Berlusconi & C”.

Responsabili fino a quando allora?

Il giochino delle parti ha stufato, l’anomalia della destra di lotta e di governo che fa cassa elettorale con spicciola demagogia ha superato la misura quindi se la responsabilità significa tirare a campare fino al prossimo maroso e se la forza di rinnovamento è solo questa sarebbe meglio, dopo aver corretto quell'obbrobrio di legge elettorale, andare diritti al voto.

Si lasci decidere la gente e si esca da questo guado melmoso in cui siamo impantanati da troppo tempo. Sempre che il “popolo sovrano” dia segni di maggior maturità della sua classe dirigente (illuso? Probabilmente).

Questo a meno che nei prossimi giorni non vorranno stupirci con qualcosa di serio, ed invece di prospettare un autunno caldo si prospettino “novelli” provvedimenti di buona (ci accontenteremmo anche di “accettabile”) qualità.

Alla prossima

PS: per onestà intellettuale lo spunto sulla riflessione mi è stato dato durante una pedalata: mentre si faticava l’amico che pedalava con me sbotta “ma responsabili fino a quando?” (chiaro riferimento al PD). La discussione è stata molto lunga e appassionata ed io per amor di brevità ho sintetizzato il tutto in questo breve pezzo. La sintesi viene dall'ombrellone... lo spunto dalla bici… lo scritto dalla “tafana” di una giornata casalinga… questo post scriptum dal vezzo di essere in ferie e dall'amor di dilungarsi ogni tanto in descrizione…

Commenti   

 
0 #2 Francesco Maiorana 2013-08-14 10:28
il pezzo, almeno nelle mie intenzioni, non è un inno al voto subito ma un invito al fare e a fare bene più che pensare a durare! Capisco che uno scranno è uno scranno tuttavia credo che un punto di orgoglio per questa classe dirigente dovrebbe essere mettere a segno dei punti da STATISTI e non dei puntelli per tirare a campare. Ecco allora che se si mettono in atto delle basi per un serio risanamento (cosa che in questi 100 giorni s'è vista pochino e solo negli intenti) avanti tutta, se l'intento è tirare a campare rinviando provvedimenti o mettendone in atto solo alcuni alla maniera di Cencelli (uno accontenta te, uno me) meglio il voto (che sarebbe un male è vero, ma meglio che vivacchiare con false speranze ...) . Salut
Citazione
 
 
0 #1 Matteo Cacciola 2013-08-11 16:13
Stavolta non sono pienamente d'accordo con l'amico Franco in merito a nuove elezioni, seppur con una nuova legge elettorale (almeno per quello che ho potuto capire dalla mia lettura del testo):
1. c'è il rischio che il bartaliano "l'è tutto sbagliato, l'è tutto da rifare" diventi un refrain di comodo, mentre la classe dirigente di questo Paese deve assumersi le responsabilità del ruolo che ha voluto ricoprire (altrimenti vince l'autoreferenzi alità gattopardesca)
2. a differenza del governo tecnico Monti, il governo Letta è politico, seppur di larghe intese. Ciò implica la possibilità di scelte politiche rappresentative di larga parte della popolazione, caso davvero "ghiotto" per fare riforme vere per l'utilità del Paese.

Comprendo che le mie motivazioni passano dalla volontà di PDL e PD ad aprire un nuovo capitolo scevro dal personalismo berlusconiano, che potrebbe anche portare al superamento stesso di PD e PDL come li conosciamo oggi. Forse anch'io sono un illuso e non considero lo spirito di autoconservazio ne della classe politica...
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi articoli

Due pensieri in quattro tweet…

Author: Matteo Cacciola Date:: 26-06-2018 11:13:11

Stamattina, un tweet che ripropongo qui…

Read More...

Requisitoria possibile di un dirigente pubblico whistleblower soggetto a ingiustizie…

Author: Fedora Quattrocchi Date:: 27-03-2018 12:43:16

Ormai non ci dividiamo più in “destra” e…

Read More...

Elezioni politiche 2018: vincitori e vinti della campagna elettorale…

Author: Matteo Cacciola Date:: 04-03-2018 11:43:53

Ieri sera, in pizzeria, parlavo con degl…

Read More...

I partiti e le elezioni…

Author: Fedora Quattrocchi Date:: 06-02-2018 19:12:02

I partiti e le elezioni

Berlusconi: Tajani candidato premier ide…

Read More...

Altro che 107 tappe con il treno Matteo Renzi!…

Author: Fedora Quattrocchi Date:: 06-11-2017 18:37:45

Altro che 107 tappe con il treno Matteo Renzi!

Altro che 107 tappe con il treno Matteo…

Read More...

I più letti

Miniguida: come sincronizzare il proprio Google Drive su Ubuntu…

Author: Matteo Cacciola Date:: 26-01-2013 00:10:18

Miniguida: come sincronizzare il proprio Google Drive su Ubuntu

Oggigiorno, i cloud sono diventati un im…

Read More...

Audizione al Parlamento Europeo sul futuro energetico e climatico del Pianeta: assenti i parlamentari italiani…

Author: Fedora Quattrocchi Date:: 29-11-2013 13:17:01

Audizione al Parlamento Europeo sul futuro energetico e climatico del Pianeta: assenti i parlamentari italiani

Questa vuole essere una cronaca vera, ma…

Read More...

Una politica energetica del PSE che può portare ad ulteriore baratro europeo…

Author: Fedora Quattrocchi Date:: 25-03-2014 12:26:19

Una politica energetica del PSE che può portare ad ulteriore baratro europeo

Premesso che come tecnico-politico (poli…

Read More...

Costruzione di una Strategia Energetico-climatica-sicurezza: una emergenza nazionale…

Author: Fedora Quattrocchi Date:: 15-12-2015 14:49:38

Costruzione di una Strategia Energetico-climatica-sicurezza: una emergenza nazionale

Di seguito, un articolo che vuole quasi…

Read More...

Governo Letta. Quattrocchi: persone incompetenti fuori dalla politica, seguendo le parole di Letta…

Author: Fedora Quattrocchi Date:: 27-04-2013 13:30:57

Governo Letta. Quattrocchi: persone incompetenti fuori dalla politica, seguendo le parole di Letta

Comunicato stampa di Fedora Quattrocchi,…

Read More...

Chi è online

Abbiamo 42 visitatori e nessun utente online

I nostri argomenti

Login Form

Promo

Quick links