Crea sito
  1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

Promo

Google News

Promo

Audizione al Parlamento Europeo sul futuro energetico e climatico del Pianeta: assenti i parlamentari italiani

Questa vuole essere una cronaca vera, ma non di argomento gossip o da sfogliare dal parrucchiere, ma la cronaca di una delle pochissime audizioni al Parlamento Europeo, il 26 novembre 2013, quindi all’indomani di migliaia di morti e sfollati per eccesso di CO2 in atmosfera nelle Filippine e qualche centinaia tra sfollati e qualche morto e disperso nella nostra Sardegna e per i medesimi motivi: produzione di elettricità e risorse (cemento, raffinati, acciaio) da uso di combustibili fossili senza tecnologia CCS (CO2 Capture e Storage = Cattura e Stoccaggio di CO2) per abbattere drasticamente e rapidamente le emissioni serra.

Necessiterebbe immediatamente una carbon tax in cui la moneta CO2 valga almeno 30 € a tonnellata di CO2 evitata in atmosfera, altro che certificati bianchi, verdi, certificati CCS, la borsa di patteggio fittizio dell’Emission Trading System (ETS): un buco nell’acqua ed io lo dico e lo scrivo da dieci anni. Ci son diventata quasi nonna. A questo punto quasi mi viene da dire: moratoria delle centrali a combustibili fossili senza CCS, almeno escono fuori le teste ora silenti e con coerenza, ma poi i posti di lavoro in Italia nell’industria? Tutto mi sembra fortemente e decisamente ipocrita: se i cambiamenti climatici si devono combattere non ci possono essere incentivi diversi per le diverse tecnologie: chi emette paga. Punto. Non possono essere incentivate solo le rinnovabili. Non ci si giri troppo intorno, che son più i voli che abbiamo fatto a Bruxelles per parlare di piattaforme energetiche low carbon, sprecando CO2 in atmosfera che non far nulla in tutti questi anni di “diplomazia”. Che quello del 26 Novembre 2013 sia l’ultimo di public hearing al Parlamento Europea senza risultati: i risultati devono tradursi rapidamente in incentivi uguali alle diverse tecnologie low carbon altrimenti incentivi a nessuno e si emetta CO2 in atmosfera a volontà senza troppe ipocrisie e senza mettere le pale eoliche pure a mare ed i pannelli solari pure sulle automobili.

Da tempo spiego alla popolazione italiana (e mondiale, visto he il mese scorso l’ho fatto anche in Cina) che i grandi impianti industriali ed elettrici non bruciano pale eoliche o non smuovono vento ma bruciano combustibili fossili e producono CO2 o metano in atmosfera, ragion per cui serve in parallelo al sacrosanto sviluppo delle rinnovabili e della efficienza energetica, la tecnologia “ponte” della Cattura e Stoccaggio di CO2” (CCS), per continuare a bruciare idrocarburi senza devastare il Pianeta ulteriormente. Il bando HORIZON 2020, che ho dovuto profondamente revisionare per L’Agenzia per la Ricerca Europea, era ed è scritto con i piedi: vale a dire da specifiche lobby, senza bilanciare fondi e calls sulle diverse tecnologie in modo equo. L’industria elettrica farebbe bene ad opporsi ad un simile scempio della scienza energetica e termodinamica razionale. I morti filippini e sardi non parlano più ma vi direbbero – vista la saggezza che si acquista in Paradiso - che la velocità con cui si possono evitare in atmosfera 10 milioni di tonnellate prodotte annualmente da una centrale a carbone è 100 volte superiore alla miriade di dispositivi ad alta efficienza energetica – compresi i fon per i capelli – per evitare in atmosfera gli stessi 10 milioni di tonnellate. Per non parlare dei costi ben puntualizzati da Chicco Testa al convegno di QualEnergia all’Ara Pacis a Roma il 28 novembre 2013, ma su quella cronaca scriverò un pezzo a sé. In estrema sintesi noi geologi ed i petrolieri iniettiamo CO2nel sottosuolo, da 30 anni, con una velocità di rimozione di essa dalla atmosfera che i montatori di pale eoliche se la sognano.

Ho anche già spiegato e lo ha spiegato con me anche il Prof. Enzo Boschi – in attesa dell’appello che lo renda innocente altrimenti nessuna tecnologia di sottosuolo si potrà più fare perchè noi comunicatori scientifici costeremo troppo per le tasche di ministeri e industrie - recentemente su OrizzontiEnergia.it, che la chimera, l’abbaglio della produzione facile di “unconventional gas” dagli shale gas americani e canadesi ha distratto gli industriali e la comunità scientifica internazionale dall’implemento virtuoso e rapido della CCS, per devolvere tutte le sue energie a sradicar metano dalle argille, anche tramite la fratturazione idraulica (fracking). Rallentando il CCS e soprattutto non applicandolo ancora globalmente alle centrali a carbone, alle acciaierie, ai cementifici, alle raffinerie, ai termovalorizzatori e quanto altro di grosso emette CO2, la concentrazione di CO2 in atmosfera ha raggiunto i 400 ppm nel 2013 e tutti gli scenari virtuosi della IEA, dipinti a più mani per mantenere la variazione di temperatura entro i due gradi stanno andando al macello: gli scenari della Road Map della IEA del 2009 sono andati al macero ed i morti per catastrofe climatica stanno a guardare dall’alto, mentre si aprono autostrade in Artico per le navi petroliere a seguito dello scioglimento dei ghiacci della calotta. Tutto calcolato per chi deve sfruttare pure l’Artico (qui io e Greenpeace siamo allineati – incredibile !).

Tra l’altro la CCS è una tecnologia che non ha mai fatto morti né sfollati ed il rischio connesso è molto limitato e ben discusso in miei precedenti articoli divulgativi per il distratto popolo (che comunque a causa di tutto questo collasso energetico-climatico ha perso il lavoro) e in mia letteratura scientifica internazionale per gli addetti ai lavori (ben pochi!).

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi articoli

Altro che 107 tappe con il treno Matteo Renzi!…

Author: Fedora Quattrocchi Date:: 06-11-2017 18:37:45

Altro che 107 tappe con il treno Matteo Renzi!

Altro che 107 tappe con il treno Matteo…

Read More...

Scienza contro religione? No, solo Zichichi contro Zichichi…

Author: Matteo Cacciola Date:: 24-08-2017 21:03:57

Scienza contro religione? No, solo Zichichi contro Zichichi

Leggo di una posizione di Zizichi anti-e…

Read More...

Ancora elezioni, una vita di elezioni!…

Author: Matteo Cacciola Date:: 03-07-2017 12:01:46

Ancora elezioni, una vita di elezioni!

Ancora elezioni, caro mio blog. Oggi, pe…

Read More...

Pensieri sparsi di un vecchio di 38 anni…

Author: Matteo Cacciola Date:: 01-07-2017 09:25:57

Pensieri sparsi di un vecchio di 38 anni

Caro blog, mi trovo, in questi giorni di…

Read More...

A che servono i convegni con il Presidente del Consiglio e Riccardi senza contraddittorio e discussione?…

Author: Fedora Quattrocchi Date:: 09-05-2017 10:58:14

A che servono i convegni con il Presidente del Consiglio e Riccardi senza contraddittorio e discussione?

Ringrazio ancora l’Onorevole Marazziti d…

Read More...

I più letti

Miniguida: come sincronizzare il proprio Google Drive su Ubuntu…

Author: Matteo Cacciola Date:: 26-01-2013 00:10:18

Miniguida: come sincronizzare il proprio Google Drive su Ubuntu

Oggigiorno, i cloud sono diventati un im…

Read More...

Audizione al Parlamento Europeo sul futuro energetico e climatico del Pianeta: assenti i parlamentari italiani…

Author: Fedora Quattrocchi Date:: 29-11-2013 13:17:01

Audizione al Parlamento Europeo sul futuro energetico e climatico del Pianeta: assenti i parlamentari italiani

Questa vuole essere una cronaca vera, ma…

Read More...

Una politica energetica del PSE che può portare ad ulteriore baratro europeo…

Author: Fedora Quattrocchi Date:: 25-03-2014 12:26:19

Una politica energetica del PSE che può portare ad ulteriore baratro europeo

Premesso che come tecnico-politico (poli…

Read More...

Costruzione di una Strategia Energetico-climatica-sicurezza: una emergenza nazionale…

Author: Fedora Quattrocchi Date:: 15-12-2015 14:49:38

Costruzione di una Strategia Energetico-climatica-sicurezza: una emergenza nazionale

Di seguito, un articolo che vuole quasi…

Read More...

Se un convegno commemorativo del terremoto di Avezzano del 2015 si aprisse a tutte le discipline sismologiche e sismogeochimiche (parte prima)…

Author: Fedora Quattrocchi Date:: 10-02-2015 21:14:25

Se un convegno commemorativo del terremoto di Avezzano del 2015 si aprisse a tutte le discipline sismologiche e sismogeochimiche (parte prima)

Premetto che scrivo a titolo strettament…

Read More...

Chi è online

Abbiamo 5 visitatori e nessun utente online

I nostri argomenti

Login Form

Promo

Quick links